Operazioni Dentali

Operazioni Dentali

Le operazioni dentali possono aiutarti a risolvere molti problemi che possono presentarsi nella bocca e colpiscono i denti, le gengive o le mascelle. Spesso si tratta di soluzioni utili per curare definitivamente la maggior parte delle patologie dentali.

Ti ricordiamo che non sempre serve ricorrere alla chirurga dentistica. La maggior parte dei problemi dentali infatti possono essere curati con degli interventi ai denti poco invasivi. Purtroppo non sempre è sufficiente.

Quindi, questo articolo ha lo scopo di riassumere le operazioni dentali più comuni, svolte dai dentisti o altri specialisti come i paradentologi o gli endodontisti.

Differenti tipi di operazioni dentali chirurgiche

In sintesi, esistono molte tipologie di operazioni ai denti, in grado di risolvere la maggior parte dei problemi dentro la tua bocca. Ad esempio, un’operazione odontoiatrica serve per implementare alcune protesi oppure per pulire affondo il dente.

Generalmente, la chirurgia dei denti prevede le seguenti operazioni:

  • estrazione dei denti
  • innesti ossei
  • impianti
  • contro la parodontite
  • correzione della mandibola

Estrazione dei denti

L’operazione dentistica più comune è quella di estrazione (o rimozione) dentale.

Si tratta di una procedura di chirurgia dentaria consigliata per soprattutto per le seguenti patologie:

A volte, le estrazioni vengono fatte per prepararti ad altre operazioni di chirurgia ai denti, come le installazioni di protesi e apparecchi ortodontici.

La maggior parte dei dentisti tende a voler salvare i denti, ma a volte è necessario estrarli per preservare la salute orale generale. Per curare le carie, infatti, gli specialisti preferiscono ricorrere a procedure come l’otturazione del dente, che pulisce a fondo il buco dentale e lo riempie di un materiale resistente.

Infine, per quanto riguarda i denti del giudizio, molti altri dentisti consigliano di togliersi i denti del giudizio per prevenire alcune delle più importanti patologie.

Innesti ossei

Un innesto osseo serve più per risolvere eventuali danni che colpiscono una perdita d’ossa nella mascella.

In generale, quando manca un dente, è probabile che si verifichi un deterioramento osseo. Di conseguenza, un intervento odontoiatrico per mettere un innesto serve a ripristinare il volume e la densità delle ossa della mascella.

A volte, queste procedure vengono fatte anche nel mezzo di altri interventi, come quelli parodontali. Di solito, infatti, le malattie gengivali possono causare l’erosione dell’osso. Ma con un innesto, si può rendere il dente forte e gli dona una base solida.

Impianti dentali

Gli impianti sono considerati ampiamente l’opzione di sostituzione del dente più affidabile e duratura. Normalmente è un intervento dentistico utilizzato con dei perni di titanio, che sono incorporati nella mascella e sostituiscono le radici dentali.

Gli impianti dentali più spesso installati sono le corone, i ponti o le protesi ai denti.

Non sempre queste protesi sono in titanio. Di recente, abbiamo aggiunto nel nostro Blog un articolo su delle corone dentali fatte in zirconio, che possono dare diversi benefici al tuo apparato.

Chirurgia parodontale

Alcune patologie, come la parodontite o la gengivite, possono prevedere un intervento di chirurgia orale direttamente sulla gengiva.

Di solito, durante le procedure, vengono praticate delle incisioni lungo il bordo della gengiva e il tessuto viene allontanato temporaneamente dai denti. Dopodiché il chirurgo pulisce le radici dei denti, elimina tutta la placca e lo sporco accumulato, per poi rimettere nuovamente in posizione la gengiva.

Altre volte, si può verificare una recessione gengivale. Si tratta di un problema che deve essere curato con un innesto alle gengive. Il tessuto danneggiato viene tolto per rinforzare l’area con una nuova gengiva donata.

Correzione della mandibola e della mascella

Altre pratiche di chirurgia dentaria servono invece per risolvere alcune anomalie alle ossa della mascella, che possono portare problemi come il morso crociato o delle difficoltà nella masticazioni.

Al fine di evitarle, un’operazione dentistica (anche chiamata ortognatica) è la soluzione corretta, per correggere questi squilibri e disallineamenti vari ed eventuali.

I rischi delle operazioni dentali

Nonostante un intervento ai denti chirurgico sia efficace e, il più delle volte, permettano all’intero apparato di tornare a lavorare in armonia, posso avere qualche possibile controindicazione.

Le più probabili, per esempio, sono:

  • infezioni
  • lesione ai denti adiacenti
  • alveolite secca
  • intorpidimento
  • frammenti di radice del dente
  • problemi al seno

Tuttavia, puoi ridurre al minimo queste controindicazioni, seguendo le indicazioni post operatorie e assumendo i farmaci prescritti.

In generale, il nostro consiglio è rivolgerti al tuo specialista di fiducia se una di queste complicazioni dovesse diventare parecchio fastidiosa.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy