Parodontite Dentale

Parodontite Dentale

La parodontite dentale è una grave infezione alla gengive che danneggia i tessuti molli attorno ai denti. Se non curata, la paradontite può distruggere l’osso che regge i denti e causarne la caduta.

Purtroppo si tratta di una malattia che si forma molto facilmente. Ma può essere prevenuta senza troppo sforzo. Il più delle volte, infatti, l’infiammazione parodontale è il semplice risultato di una scarsa igiene orale.

Perciò se vuoi evitare di avere problemi di paradontite dentale, spazzolati i denti almeno due volte al giorno, passati il filo interdentale (o lo scovolino) e abituati a fare dei controlli regolari dal tuo Dentista di Fiducia.

Sintomi parodontite acuta

Le gengive sane sono forti, hanno un colore chiaro e aderiscono perfettamente al dente.

Quando iniziano a danneggiarsi, potresti notare che le tue gengive iniziano a presentare i seguenti sintomi parodontite:

  • gonfie
  • di un colore rosso vivo
  • tenere al tatto

Inoltre, altri sintomi parodontite grave sono la perdita di sangue dalla bocca, una masticazione difficoltosa e l’alitosi. Infine, i denti sono più mobili e soggetti a prendere una postura differente.

Cause della parodontite

In breve, la parodontite è causata dalla placca e dal tartaro che rimangono depositati sui denti e finiscono per irritare pesantemente le gengive. Ma, generalmente, si eliminano grazie a delle buone abitudini di igiene orale o con delle pulizie professionali (come l’airflow).

Se viene lasciato crescere e sviluppare, invece, lo sporco attacca le gengive, causando diversi problemi parodontali, tra cui anche la gengivite.

Se l’irritazione diviene grave e profonda, allora si forma la parodontite diffusa. Infatti, lo zucchero e lo sporco formano delle tasche tra denti e gengive, che diventano sempre più profonde, fino a provocare la caduta dei denti.

I fattori di rischio della parodontite dentale

Ci sono alcune patologie e situazioni che possono aumentare il rischio di sviluppare una parodontite acuta e cronica, come ad esempio:

Prevenire la parodontite

Come abbiamo già accennato, il miglior modo per prevenire la comparsa della malattia parodontale sono le buone abitudini di igiene orale. Quindi occorre lavarsi i denti per due minuti, almeno un paio di volte al giorno. Inoltre, utilizzare il filo interdentale aiuta ad eliminare poi ogni residuo di sporco.

Infine, vai spesso dal tuo dentista. I controlli regolari e delle pulizie professionali possono eliminare le possibilità di sviluppo di qualsiasi infezione parodontale.

Diagnosticare la parodontite dentale

Per scoprire se hai dei sintomi della parodontite, il dentista può fare i seguenti controlli:

  • rivedere la tua storia medica
  • esaminare gli accumuli di placca e tartaro sui denti
  • misurare la profondità delle tasche gengivali
  • eseguire delle radiografie dentali

Una volta scoperta la gravità della parodontosi, la profondità delle tasche e i fattori di rischio, il Dentista assegnerà un grado alla tua parodontite profonda. Quindi, si elabora un piano di trattamento.

Come curare la parodontite dentale

Per curare la parodontite, ti puoi rivolgere a un dentista o a un paradontologo, uno specialista delle malattie gengivali.

In generale, i sintomi paradontite possono essere risolti attraverso delle terapie poco invasive. Invece, nei casi più gravi, è necessaria la chirurgia. Comunque, qualsiasi tipo di cura avrà lo scopo di prevenire ulteriori danni alle gengive, pulendo con attenzione le tasche che si sono formate.

Le cure non chirurgiche della parodontite

Un inizio di paradontite può essere trattato attraverso delle procedure meno invasive come:

  • ridimensionamento
  • levigatura delle radici
  • antibiotici

Le terapie chirurgiche contro la parodontite

Invece, quando la parodontite acuta ha raggiunto uno stato ormai grave, la maggior parte delle volte si deve ricorrere a degli interventi chirurgici, come

  • chirurgia del lembo (o di riduzione delle tasche): viene ripiegato con attenzione il tessuto gengivale, esponendo le radici a una pulizia e levigatura più approfondite
  • innesti di tessuti molli: quando le gengive si ritirano o cadono, tale procedura aiuta a riformarle e reinserirle
  • sostituzione ossea: se la parodontite danneggia le ossa, allora si crea un innesto da mettere al posto di quelli danneggiati
  • rigenerazione guidata dei tessuti: viene installato uno speciale tessuto che favorisce la crescita di nuove parti delle ossa
  • proteine stimolanti: applicazione di un gel particolare nel dente malato, che aiuta lo sviluppo dello smalto e la crescita di denti sani
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy